Statistiche sull’uso dei motori di ricerca

I motori di ricerca sono sempre di più lo strumento principe per trovare informazioni su Internet. In Italia si contano circa 28 milioni di persone che ogni giorno utilizzano la rete per i più svariati scopi. Parliamo del 58,3% della popolazione italiana tra gli 11 e i 74 anni (Dati AudiWeb – Dicembre 2008). Numeri che fanno riflettere, soprattuto se rapportati alle statistiche sull’uso dei motori di ricerca in Italia.

Gli italiani e i motori di ricerca prima degli acquisti

statistiche motori di ricercaUna recente indagine di Sems e OTO Research (Gli italiani ed i motori di ricerca – Maggio 2008) condotta su un panel di 27.000 utenti con 1500 inteviste convalidate ha rivelato come i motori di ricerca stanno diventando in Italia sempre più importanti come mezzo per documentarsi e decidersi su prodotti o servizi da acquistare.

Infatti, il 95% degli italiani (nel 2007 era il 77%) che accedono al web, reputano i motori di ricerca lo strumento più efficace per arrivare alle informazioni di cui hanno bisogno, più ancora dei portali specializzati (43%). Nei motori di ricerca infatti è possibile, da casa o dall’ufficio, prendere in esame tutte le aziende, magari nelle vicinanze della zona di residenza, che offrono il prodotto o servizio a cui l’utente è interessato. Sono l’83%, gli intervistati che effettuano una ricerca nei motori in previsione di un acquisto.

In particolare, ecco cosa cercano gli italiani nei motori di ricerca:

  • informazioni utili per prendere una corretta decisione d’acquisto (fondamentali le schede prodotto o di dettaglio)
  • i commenti e le recensioni di quanti hanno avuto modo di provare ciò che vogliono comprare (ad esempio su Ciao.it)
  • dove poter comprare al prezzo più conveniente (attraverso i motori di comparazione come Kelkoo)
  • recensioni ed articoli su blog e forum del settore

E’ importante notare che questa “ricerca preliminare” viene effettuata a prescindere dalla modalità con cui si andrà ad effettuare l’acquisto (on-line oppure nei tradizionali canali di vendita). L’acquisto vero e proprio sarà concretizzato in un secondo momento per l’80% degli intervistati, i quali preferiscono:

  • effettuare ulteriori ricerche sui motori
  • efettuare l’acquisto dal pc di casa (per quanti hanno effettuato la ricerca dal posto di lavoro)
  • valutare altre fonti di informazione

La visita ai motori di ricerca è diventato un gesto quotidiano per la maggioranza (88%): il 68% degli utenti li visita più volte al giorno, mentre il 20% almeno una volta al giorno. Nessuno a dichiarato di non utilizzare i motori di ricerca.

I prodotti più acquistati dopo una ricerca nei motori

Vediamo quali sono le categorie più ricercate (consentite risposte multiple):

  • Elettronica (Televisori, Lcd, Hi-fi, …) 58%
  • Telefonia ed accessori 58%
  • Viaggi/Turismo 52%
  • Libri/Riviste 51%
  • Hardware e Software 44%
  • Idee regalo 36%
  • Musica/Video 35%
  • Biglietti per eventi e spettacoli 34%
  • Elettrodomestici 27%
  • Prodotti cosmetici/farmaci 21%
  • Articoli per il fai da te 21%

Da segnalare l’uscita dal podio per la categoria Hardware e Software che nelle survey dei due anni precedenti si era piazzata ai primi posti. Segno forse che gli acquisti on-line non sono più esclusiva degli utenti più avanzati che effettuavano acquisti in questa particolare categoria.

Quali risultati vengono analizzati

Chiudiamo questo articolo con un altro dato statistico, che vi farà riflettere sull’importanza di una corretta ottimizzazione del proprio sito web per i motori di ricerca. L’81,7% degli utenti che effettuano una ricerca sui motori (Dati Iprospect) non vanno oltre la 3° pagina dei risultati, il 47% non scorre oltre la prima pagina. Essi preferiscono infatti effettuare ulteriori ricerche specificando termini e frasi di ricerca più specifiche, spesso includendo parole legate al territorio locale. Ad esempio: “Fruttivendolo Milano Centro“.

Conclusioni

Con miliardi di pagine internet, non basta più mettere on-line un semplice sito web per definire una solida presenza del proprio brand sulla rete. Farsi trovare dai clienti diventa essenziale per poter espandere il proprio business. E’ evidente quindi come un investimento mirato all’indicizzazione del proprio sito web e ad un valido posizionamento sui motori di ricerca sia ormai diventato di importanza fondamentale per tutte le aziende che mirano ad aumentare la propria visibilità ed i propri clienti.

Condividi nei social media:
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Twitter
  • StumbleUpon
  • Print
  • email
  • oknotizie

 

2 Commenti su “Statistiche sull’uso dei motori di ricerca”

  1. siti web Postato da davide bandini:
    02/12/14 - 11:09

    Quali sono le categorie dei professionisti (es. Avvocati..ingegneri..medici..eccc…)
    più cercati nei motori di ricerca ?

    Grazie
    Eventualmente giratemi le statistiche

  2. siti web Postato da Alt Design:
    02/12/14 - 11:25

    @davide bandini
    Puoi utilizzare Google Trends e capire attraverso le parole chiave associate a queste categorie quali sono le più cercate. Noi non abbiamo statistiche in merito.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


8 + 1 =